Aminoacidi Con Elettroliti Bugiardino

Il farmaco Aminoacidi Con Elettroliti è un farmaco di classe C, Il principio attivo del Aminoacidi Con Elettroliti è Aminoacidi  il prezzo rilevato per la vendita di questo farmaco è di circa 11€ a confezione.

Aminoacidi Con Elettroliti:

Magnesio cloruro 6 H2O: g 0,81

Potassio acetato: g 2,94

pH 6,0 - 7,0 corretto con Acido acetico glaciale (circa 20 mEq/l di Acetato).


Soluzione per infusione.

La soluzione Aminoacidi all'8,5% con elettroliti fornisce, in forma concentrata, aminoacidi in proporzione fisiologica e completamente utilizzabili per la sintesi proteica.

Somministrata assieme a soluzioni caloriche concentrate, quali ad esempio soluzioni ipertoniche di glucosio o emulsioni di grassi, additivate da elettroliti, vitamine ed oligoelementi, consente una nutrizione parenterale completa.

Somministrata nelle vene periferiche, da sola come soluzione isotonica (3%) oppure con una minima additivazione calorica quale il glucosio al 5%, fornisce un apporto nutritivo e risparmia le proteine corporee.

Per queste caratteristiche è indicata per la prevenzione delle perdite di azoto ed il trattamento del bilancio azotato negativo nei pazienti in cui:

- non è possibile l'alimentazione per via gastroenterica;

- si ha malassorbimento delle proteine per via orale;

- le richieste metaboliche sono notevolmente aumentate, ad esempio per la presenza di ustioni estese.


Aminoacidi Con Elettroliti Controindicazioni

In alcuni pazienti l'assunzione di Aminoacidi con elettroliti può in alcuni casi causare:

- Anuria.

- Encefalopatia o coma epatico.

Anomalie congenite del metabolismo degli aminoacidi.

- Ipersensibilità ad uno o più degli aminoacidi presenti nella soluzione



Confezioni
Aminoacidi Con Elettroliti 1 flacone EV 500 ml 8,5%

Farmaci Equivalenti
Nessun Farmaco equivalente trovato.


Ditta Produttrice
Bioindustria L.i.m. Spa

Aminoacidi Con Elettroliti Somministrazione

Aminoacidi con elettroliti è una soluzione per infusione.

Soluzione da utilizzare per fleboclisi in vena periferica o centrale.

Ispezionare ogni flacone prima dell'uso. Capovolgere il flacone e controllare attentamente la soluzione in condizioni ottimali di visibilità per rilevare eventuali particelle o torbidità; controllare che il flacone non presenti incrinature o altri danni. Durante la somministrazione ricontrollare il flacone almeno una volta ogni ora. Se si notano segni di contaminazione della soluzione oppure se il paziente manifesta febbre o brividi sospendere immediatamente la somministrazione ed informare il medico.

Attenzione: l'alimentazione parenterale va praticata solo da personale pratico di questa metodica terapeutica ed a conoscenza delle possibili complicazioni.

Aminoacidi Con Elettroliti Dosaggi

La dose totale di Aminoacidi all'8,5% con elettroliti dipende dal fabbisogno giornaliero di proteine e dalla risposta metabolica e clinica del paziente. La determinazione del bilancio azotato ed il controllo accurato giornaliero del peso corporeo e del bilancio di liquidi sono i metodi di elezione per soddisfare le richieste individuali di proteine. L'apporto giornaliero con la dieta di proteine è di circa 0,9 g per kg di peso corporea nell'adulto sano e di 1,4 - 2,2 g per kg nel bambino in via di sviluppo e nei neonati. Bisogna tener presente, comunque, che la richiesta di proteine e di calorie può essere notevolmente più elevata nei pazienti traumatizzati a malnutriti. Dosi giornaliere di aminoacidi di circa 1,0-1,5 g per kg di peso corporeo per gli adulti e di 2-3 g/kg per i bambini, con adeguate calorie, sono in genere sufficienti per soddisfare il fabbisogno proteico e promuovere un bilancio azotato positivo in questi pazienti, benché dosi più elevate possono essere richieste nei catabolici gravi. Somministrando queste dosi più elevate della norma, specie nei bambini, è necessario ricorrere ad esami di laboratorio più frequenti. Per il risparmio proteico nei pazienti ben nutriti che non ricevono calorie addizionali in quantità significative, dosi di aminoacidi di 1-1,7 g/kg/giomo riducono significativamente le perdite azotate e risparmiano le proteine corporee. Se l'aumento del BUN eccede i 20 mg % in 48 ore, l'infusione di aminoacidi va sospesa oppure si deve ridurre la velocità di somministrazione

Aminoacidi Con Elettroliti Effetti

Non si devono attendere manifestazioni di carattere secondario quando l'infusione viene effettuata secondo le istruzioni e con una accurata valutazione dei pazienti. In caso di comparsa di effetti indesiderati quali orticaria, vasodilatazione, dolori addominali, brividi, febbre, interrompere il trattamento.

Aminoacidi Con Elettroliti in Gravidanza

Aminoacidi all'8,5% con elettroliti non è stato usato durante la gravidanza o l'allattamento e pertanto l'assoluta sicurezza del suo impiego in questa condizione non è stata dimostrata.


cosa è Ciclozinil

Ciclozinil Farmaco

Ciclozinil è indicato nel trattamento di forme infiammatorie cutanee primitivamente batteriche come le piodermiti di var...